Come gestire campagne eMail di successo.

Bene, oggi parliamo di come gestire in maniera efficace il lancio delle campagne email.

Nell’articolo precedente ho spiegato come creare una email di successo, quindi come comporre l’oggetto della mail ed il contenuto. Se te lo sei perso puoi leggerlo qui “Come creare eMail di successo“, ora vediamo come gestire alcuni punti fondamentali.

Ci occuperemo di come:

1 – Usare l’A/B test o split test.
2 – Creare pagine di destinazione pertinenti.
3 – Misurare il rendimento delle tua campagne email.

Testa e migliora le tue mail con l’A/B test o split test. Come indica il nome, è un processo di test attraverso il quale si vanno a “confrontare” due possibili soluzioni ed è il passo preliminare da compiere per determinare quale sia la scelta più efficace per la definizione dell’oggetto, del testo, delle immagini o di tutto il layout in generale.

Si creano due versioni di una stessa mail con una variante. A metà dei clienti invierai la versione A e all’altra metà invierai la versione B.

Successivamente verifica quale delle due email ha registrato il “tasso di apertura” più alto. La versione che ha registrato più visite è quella vincente.

Puoi testare oggetti diversi come il testo, i bottoni, la call to action,.. Guarda i risultati e scoprirai cosa preferisce il tuo pubblico.

Ricordati di:

1 – evitare sempre e comunque di intasare la posta dei tuoi clienti con troppe mail, in questo modo eviterai che i tuoi contatti annullino l’iscrizione alla tua newsletter perché non desiderano essere contattate così spesso.

2 – creare pagine di destinazione specifiche e pertinenti. La pagina di destinazione è la prima pagina che una persona vede quando arriva sul tuo sito web.

Altro punto, ma non meno importante, il tuoi contatti leggono le mail non solo da desktop, ma sempre più frequentemente anche da cellulare. Per questo le pagine di destinazione devono essere ottimizzate per tutti i dispositivi.

Un’ultima cosa…. L’analisi dei dati. I servizi di email includono, anche strumenti di analisi, che mostrano i tassi di apertura e la percentuale di click sui link così da capire quali oggetti o messaggi sono più appetibili per la tua lista.

Oltre a questo puoi usare l’analisi dei dati web una volta che atterrano sul tuo sito, tramite ad esempio Google Analytics… ma questo sarà l’argomento di discussione del prossimo articolo.

Se hai dubbi o bisogno di aiuto sono come sempre a tua completa disposizione, contattami.

Privacy Policy